Disagio a raffica

marzo 14, 2017

“Ehi, è un po’ che non aggiorni il blog”

Sì lo so. Se me lo dicono per tre volte compare in automatico il post-spiegone sul perché non aggiorno il blog. Ma in fondo il non aggiornare il blog non è un po’ esso stesso il blog?

La verità è che qualsiasi argomento possa avere viene schiacciato dal peso del DISAGIO. Sì, sono vittima del DISAGIO. Sono successe cose che mi hanno fatto provare DISAGIO. Quando la gente mi delude io provo DISAGIO. E quando queste delusioni arrivano a raffica io provo DISAGIO A RAFFICA.

E quando provo DISAGIO A RAFFICA riesco a uscirne solamente mettendomi a fare/pensare/ideare cose nuove. Ma quando questo processo si ferma, perché tra il pensare e il fare c’è sempre un abisso nel quale io da oltre 36 anni ho un piccolo attico arredato dove trascorro i weekend e i ponti e all’interno del quale mi trovo perfettamente a mio agio, arriva di nuovo IL DISAGIO. Idea bellissima – attico nell’abisso – morte dell’idea. Arriverà il giorno in cui questo deleterio processo terminerà! Ho un’idea per fermarlo! E via di loop.

Non starò qui a fare l’elenco delle fonti di DISAGIO, ma volevo dire a quelli che da un mese devono ripararmi la macchina, che aspettano un pezzo che non arriva, che non si sa perché non arrivi, che il fornitore dice di aver mandato tutto, e niente ti devi tenere ancora per un po’ l’auto sostitutiva dove il tuo metro e novanta si incastra a malapena, che grazie a loro e al DISAGIO che mi hanno provocato ho aggiornato il blog dopo tre mesi, e insomma HEY, la vostra esistenza non è completamente inutile. Sorridete!

Mi sembra opportuno concludere un post pesante sul DISAGIO con una gif animata buffa. Ecco un cavallo con dei guanti gialli sulle orecchie.

Annunci