L’antifurto

agosto 7, 2013

La vera piaga dell’estate non è il caldo, non sono i pantaloncini corti da uomo che arrivano sopra il ginocchio (anche se…), non sono le code per tornare a casa dal mare, NOSSIGNORE, la vera piaga dell’estate è l’antifurto.

SIGLA!

(ueeeuuuueeeeuuuueeeeuuueeeeuuueeeeuuuueeeuuu x10)

Ammettetelo: nessuno di voi, nel veder interrotta la preziosa pennica post-pranzo dal fottuto suono della fottuta sirena, ha mai pensato “oh no, stanno svaligiando una casa da qualche parte, andiamo a spaventare i ladri brandendo un mocio vileda!”.

Il pensiero preponderante è dunque un altro: “se trovo chi continua a far suonare questo antifurto vado da lui, gli strappo la centralina e la distruggo col mio fido mocio vileda!”

Ricapitolando:

– A meno che non siate molto ricchi e non colleghiate l’impianto ad un sistema di sicurezza privato composto da ex militari assetati di sangue rumeno, l’antifurto non serve assolutamente ad un cazzo, perché nessuno correrà a casa vostra o alla vostra automobile a vedere cosa sta succedendo. Anche perché…

– … la maggior parte delle volte, e parliamo di un buon 94,8% dei casi secondo una statistica elaborata di recente dall’istituto di ricerca della Vileda, il malefico suono non accompagna un’infrazione ma fa da colonna sonora al vostro essere dei disastrosi cialtroni incapaci di ricordare l’intricatissimo processo “inserisci codice – aspetta che scompaia la lucina” e relative varianti.

– Se i ladri decidono di entrare entrano, c’è poco da fare. Se al loro ingresso scatta la sirena, si incazzano pure e vi devastano tutto quello che trovano solo per il gusto di farlo.

– E’ un suono fastidioso e depresso. Non è una sirena allegra, non è neanche incazzata: è una lagna monotona, non invoglia all’azione, semmai ti spinge a porti scomodi quesiti esistenziali ed è davvero ciò che vogliamo dalla nostra estate?

– Come se tutto ciò non fosse sufficiente, gli antifurti fanno abbaiare il mio cane e svegliano mia figlia: questo mi fa adirare e mi spinge a cazziarli in appositi post su Pardemazio Scatenone.

Annunci

2 Risposte to “L’antifurto”

  1. silvia said

    Questo post mi sa di quando, con bimba neonata, giravo con la carrozzina per farla dormire, ed ogni volta che passava qualcuno che 1) suonava il claxon 2) aveva un’auto o moto rumorosa, gli bestemmiavo dietro urlando tutte le bestemmie nella mia memoria.

  2. rytzo said

    per quale motivo ero convinto che fosse pardemazio scardenone? boh… comunque, io sono quello che non esce in mutande a vedere chi è quello che fa scattare l’allarme alla casa a 500 metri di distanza. però, quando sento squillare l’antifurto del condomino, minimo minimo guardo dallo spioncino se sono i ladri o è qualche impedito a cui ha lasciato le chiavi di casa. una volta, non avendo fatto in tempo a vedere, ho anche suonato il campanello. è venuta ad aprire la figlia. mi immagino se fosse venuto uno vestito di nero, con il cappellino nero e la mascherina nera, mi sarei finto un testimone di geova. o un venditore di aspirapolveri. o un venditore di aspira-testimoni di geova. eppure le poche volte che è capitato a me di far scattare l’allarme (in genere per un malfunzionamento, che porta l’antifurto a darti l’ok per entrare e poi ripensarci) nessuno ha mai pensato di dare un occhio. ma nemmeno di lamentarsi per il rumore.

    tutto questo per dire cosa? non lo so, ma i fatti mi cosano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: