Non mi ricordo più come si fa ad avere un blog

novembre 9, 2009

Nel weekend appena trascorso ci sono state almeno 4-5 occasioni in cui mi son detto “accipicchia, questa cosa devo proprio scriverla nel blog”, per poi dimenticarmela nel giro di qualche minuto.

In casi del genere mi torna sempre in mente un giorno a Firenze con un mio amico scrittore emergente figo, sempre pronto a tirar fuori dalla tasca il bloc notes e segnarsi ogni situazione, personaggio, episodio degno di interesse. Quel giorno mi dissi “ecco, devo farlo anche io!”, purtroppo non avevo un bloc notes dove segnarmelo e lo dimenticai nel giro di qualche minuto.

Ora che ci penso, però, una delle 4-5 cose me la sono ricordata. Ovvero, tra i miei tanti superpoteri c’è anche il saper riconoscere dalla faccia e dal modo di parlare di un individuo, al cinema, se un film gli piacerà o meno e addirittura cosa penserà dello stesso. Anche perchè 9 volte su 10, al Cinecity di Limena (PD), lo spettatore è un contadino in avanscoperta quindi, nel momento in cui lo vedo entrare nella stessa sala in cui mi dirigo io, che di solito guardo film di un certo livello, so già che la sua reazione sarà questa:

– Bea merda sto film, a prosima volta ndemo vèdare queo che digo mì.

o, se queo che digo mì era proprio quello, si limiterà a

– Che cagada! No ga senso. No a me piase sta fantasiensa.

In caso di film tipo Parnassus. Oppure

– Che do bae! Me so indormensà.

In caso di film tipo Nemico Pubblico.

Il CDC, Contadino Da Cinema, sarà pienamente soddisfatto solo al termine della visione di un film natalizio con Christian De Sica, quando sentenzierà

HAHAHAHAHAHAH. Che figada. Ghetto visto che tete quea? E st’altro che scoresava! HAHAHAHAHAH. Massa beo sto film tosi!

Annunci

6 Risposte to “Non mi ricordo più come si fa ad avere un blog”

  1. pargolaccia said

    vale anche per i bolognesi. ormai non ho più l’obbligo, ma mi sono fatta anni e anni di cinema natalizio a vedere de sica, e so che significa uscire dal cinema e vedere tutti contenti, mentre tu pensi che il film che hai appena visto è perfino peggiore di quello dell’anno prima.

  2. Ambra said

    ieri sera ho visto (anzi, sentito) un esemplare tipico di CDC di Limena.. wow! ^_^

  3. ottogiugno said

    Spesso al cinema è possibile incontrare anche il classico buffone della compagnia soggetto al disturbo noto come “rido dove non dovrei ridere”.
    Ed è una patologia mentale molto più sottile e subdola rispetto alla “riso durante lo sbudellamento” (di cui siamo tutti un po’ vittime, considerando il livello infimo dei film horror da vent’anni a questa parte).

  4. thesleepymist said

    Mi è venuto in mente un nuovo post.

  5. ottogiugno said

    E io voglio esservi menzionato in un qualche modo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: